rivista-online

Il Rosso di Montalcino

rosso di montalcino
Redazione
Redazione
aprile16/ 2016

Il Rosso di Montalcino è un vino rosso ottenuto da uve Sangiovese doc che arriva sul mercato un anno dopo la vendemmia. Fresco e giovane, ma anche con l’intensità delle uve che la Toscana offre.

Storia del Rosso di Montalcino

Per bere un vino Sangiovese durante i principali pasti della giornata, il conte Marone Cinzano agli inizi degli anni Settanta, ne imbottigliò uno giovane. Fu imitato dai produttori locali e nel 1983 il Presidente Sandro Pertini, mediante decreto, fece diventare il Rosso di Montalcino un vino D.O.C.

Caratteristiche organolettiche

• colore: rosso rubino
• odore: caratteristico ed intenso
• sapore: asciutto, caldo, tannico, frutti rossi, viola, mentolo
• corpo: medio
• abbinamenti: si abbina a pasta, carni rosse e formaggi

Vinificazione

Il Rosso di Montalcino viene ricavato esclusivamente da uve Sangiovese: è vinificato in vasche di acciaio Inox insieme alle bucce. Il periodo di fermentazione può variare da due a tre settimane, a seconda della provenienza dei vigneti. Migliori le vigne più lunga la concentrazione. Dopo la seconda fermentazione si arriva all’invecchiamento nei barriques di rovere francese e in botti di rovere di Slavonia. L’imbottigliamento avviene a un anno dalla vendemmia.

Divertente da gustare proprio per i suoi sapori freschi, vellutati e fruttati.

La Redazione

FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppOknotizieCondividi