rivista-online

Gli chef nipponici incontrano il vino italiano

immagine.gavi.e.sushi
Redazione
Redazione
giugno26/ 2015

All’Expo 2015 di Milano si è svolto un importante confronto tra la cucina del Sol Levante e il vino italiano.
L’associazione dei ristoratori giapponesi in Italia ha infatti annunciato di aver intrapreso un “percorso culturale ed enogastronomico” in collaborazione con un consorzio di vini italiani. Ad avere questo grande onore è stata una delle etichette più famose dell’italian wine nel mondo: il Gavi. Un bianco del Piemonte che molti equiparano al Barolo per la sua rilevanza.
“Ambasciatore della qualità italiana all’estero con una produzione di 13 milioni di bottiglie quasi tutte per l’export, il Gavi è uno dei bianchi più ricercati in Germania, Inghilterra, Svizzera, Stati Uniti e naturalmente in Giappone – afferma Francesco Bergaglio, direttore del Consorzio tutela del Gavi – e ha trovato una corrispondenza naturale con la cucina nipponica. Il Cortese autoctono e millenario e il territorio del Gavi si ispirano a valori di eccellenza, così come il gusto raffinato e la tradizione millenaria del Giappone. Abbiamo quindi creato un incontro che porta il Gavi Docg nei ristoranti giapponesi ad esaltare due culture gastronomiche”.

Ernesto De Benedictis

FacebookTwitterGoogle+LinkedInWhatsAppOknotizieCondividi